Immagini Di Roma - dal sito http://www.tesoridiroma.net

Er Sarvatore_L

CONCORSO LIDU: ROMA E I DIRITTI UMANI: POESIE

SPARTACO

Chi lo sopporta de stà sottoposto?
Er fiero Spartaco odia le catene
e pe potelle frantumà è disposto
a sverzà tutto er sangue de le vene.

Puro si sa ch'edè 'n'impresa vana,
lancia la sfida a la boria romana.
Ma Roma è inesorabbile, se sa,
e a chi se oppone je la fa pagà.
Fu così che seimila sventurati
insorti contro quela tirannia,
ormai sfiniti, furno catturati
e costretti a subbì quell'agonia...

Je fu prescritto er supprizio più atroce:
imbullettati... tutti... su la croce.
Un sagrificio che ce fa penzà...
"La vita è degna, solo in libbertà!"

CESARE ALOISI

ER DRAMMA DE LI MIGRANTI

Cor còre in gola e l’anima che spera
in una vita degna e più “cristiana”,
lasseno a frotte l’Africa lontana
pe scappà da la fame e da la guera.

E parte un’ammucchiata indisumana
de gente che cià un sogno: arivà a tera,
ma chi riesce a sfangalla se dispera
pe un fìo affogato da ‘na sorte cana…

E intanto, mentre er Vecchio Continente
dispenza solo chiacchiere de Stato
circa er distino de ‘sta pòra gente,

una nova infornata de migranti
sta già in mare pe cojonà er passato
su carette e su bare galleggianti!

PAOLO FIDENZONI

ER DESTINO

Poteva nasce indo' nun c'è la fame...
indove l'acqua viè dar rubbinetto...
invece cià du' frasche come tetto
e già fatica pe 'sto monno infame.

Poteva inzognà er principe o la fata
e poi, da granne, fasse 'na famija,
invece è gia sposata... pora fija:
cià dodicianni... un vecchio l'ha comprata.

Poteva avé li giochi attorno ar letto...
e 'na carezza pe la bonanotte...
invece solo strilli poi... la notte :
pe lei nun ce sta amore né rispetto.

Nun se ribbella ar dramma de 'sto patto,
lei ce lo sa che c'è 'sta tradizzione:
si nasci donna è 'na maledizzione,
sei sortanto 'na merce pe 'n baratto!

LUCIANO GENTILETTI

LI SENZA TETTO

Te devi chiede, si vòi fà du’ conti,
come poteva fà Roma a ospitalli
si nun ciaveva tutti li su’ ponti!
Sò tanti sti poracci, che a contalli

nun se sa quanti sò; stanno là pronti
a mette li cartoni e a ripiegalli;
e quanno Fiume scenne da li monti
fà un mulinello o dua pe salutalli.

Scappeno da ‘n governo dittatore
e da le guere, dar mare in tempesta …
sò storie piene zeppe de dolore;

però chi ariva qua, doppo ce resta
ché Roma j’arigala tutto er còre
e puro quarche ponte su la testa.

MARCO MAGISTRI

MENO DE GNENTE

Oggi se n’anneranno, li coscritti,
co la bandiera a strisce arotolata.
Sur viso l’espressione, sconzolata,
che cianno sempre tutti li sconfitti.

Resta là, sola, chi nun cià diritti:
‘na donna co la faccia disperata,
‘sti cazzi si fra ‘n po’ verà stuprata
da un paro de barboni zitti zitti.

Er monno guarda avanti indiferente,
e se sta già a scordà li regazzini,
che strilleno, coll’occhi e co le mano,

cercanno de incontrà ‘no sguardo umano.
Chi se credeva “mo basta confini”
che s'aritroverà? Meno de gnente.

RENZO MARCUZ

L’URTIMA SPIAGGIA

Piagne… e nun po’ sapè, pora cratura,
perché la madre nun je dà più latte,
drento ‘na bagnarola che combatte
contro le forze de madre natura;

che s’affonna ner mare che la sbatte
decqua e dellà, co ‘n vento de sventura,
che soffia forte ne la notte scura
arzanno l’onna che sopra s’abbatte.

Sòrte er Sole passata la paura.
Galleggiano li pezzi de ‘n relitto
ricordo triste de quell’avventura.

“ Cercaveno ‘n rifuggio da la guera,
ma er boja fato, già l’aveva scritto
che nun avrebbero toccato tera. “

Mo c’è ‘na macchia nera
mentre ‘na regazzina affiora accanto,
riemerza… da na lagrima de pianto !

ERNESTO PIETRELLA

L’INDIFERENZA

Ar freddo duro de li sampietrini,
tra ’n mucchio de coperte e de cartone,
è morto, solo, lì, ‘n antro barbone,
tra canti e l’inni de li pellegrini.

Vanno dar papa a chiede, a capi chini,
che a li peccati je dà remissione;
‘na botta ar petto, ’n pianto e ’n’orazzione…
mo guardeno pe tera, ‘sti meschini.

È solo, lì tramezzo a la monnezza,
co intorno litanìe de canti e balli…
e j’abbastava solo ‘na carezza.

Hai voja a dì, Francé, de fratellanza,
a panza piena e co li piedi calli…
te pò ammazzà puro l’indiferenza.

GIORGIO SALA

ER SORCIO E LA CAGNA

«Ma che stai a fà?» fece er sorcio a la cagna:
«Che faccio?» j'arispose: «Nun ce vedi...?
L'allatto! Che la fame se li magna.
Poretti… nun sò nati e già sò eredi...

La madre nun ha retto er parto storto.
Nun vojo che ce scappi un antro morto!».
«E allora?» disse er sorcio: «Ma sò gatti!
Io nun ce credo, ma… robba da matti!

Aspetta, aspetta... mo che ciarifletto...
Ma 'ndó l'hai preso er latte che ciai in petto?»
«Indó l'ho preso?» sospirò la cagna:
«Chissà… da 'sta giannetta de campagna!

Ma che ne so! Che sia la providenza?
Oppuro sarà stata l'esiggenza!».
Allora er sorcio j'arispose «Cara...
ma sìì...! Ce sto! Nun famo più caciara...!

Te sì che ciai un gran còre e un gran coraggio!
Sò pronto pe spartì puro er formaggio!
È vero! Si fra bestie s'aiutamo...
Vivemo pe davero, nun “campamo”...

Perché sotto a li piedi... Sotto l'ali...
ciavemo solo che l'istessa tera.
E va a penzà che l'ommini sò uguali...
Ma nun esiste giorno senza guera.».

LUCA SCIARRETTI

DRITTI E DIRITTI

Sò tutti bravi a parlà de diritti…
e speciarmente chi, quela parola,
la sfrutta pe fregà, pe dà la sòla…
e sai chi sò ’sta feccia?...Sò li dritti.

Quelli che d’esse furbi, zitti zitti,
lo sanno già da pupi, perché, a scòla,
je piace da ‘mparà ‘na cosa sola:
acciaccà tutti, debboli e sconfitti.

Dritti e diritti…che pò fà ‘na “i”…
La metti, e penzi all’occhi de chi pena,
de chi nun cià ‘na voce e sta a soffrì.

La levi, e vedi chi comanna ar monno,
chi strigne, si je va, quela catena
‘ntorno a la gola de chi va giù, a fonno…

Ner bujo più profonno
der pozzo de ingiustizzia e de dolore
indove casca l’omo, a tutte l’ore...

FABIO TINALLI

GIORGIO (George Floyd)

“Nun respiro” strillava ar polizziotto,
che l’acciaccava come 'n animale,
manco che fusse er peggio tribbunale
che ce mette uno sopra e l’artro sotto;

ma Giorgio che nun era un galeotto
nun stava lì a penzà che quer majale
potesse giustizziallo sur piazzale
e quelo strillo è diventato un fiotto.

Lamento ch’è rimasto sur serciato,
come la vita, come li penzieri,
finacché Giorgio è morto soffocato…

Nun se parla de viruse e batteri,
ma 'n'antra “pandemia” che mozza 'r fiato:
pija li bianchi e strangola li neri.

CORRADO TORRI

ER NATALE DELL’URTIMI

A largo de la costa siciliana
fra tanti pori cristi in mal’arnese,
sopra ‘n barcone immezzo a la buriana
ce sta ‘na donna incinta ar nono mese.

Trema, ripenza all’Africa lontana,
ar giorno c’ha lassato er su’ paese,
a tutti li chilometri, all’offese…
nun magna che sarà ‘na settimana.

Ma tutto ‘sto dolore nu’ la spezza:
lei se carezza, dorce… lemme lemme.
Chissà si è propio questa la sarvezza,

l’unica luce, l’urtima speranza?
Un fìo che nasce, come a Bettelemme
quanno che Lui sortì… da n’antra panza.

PAOLO EMILIO URBANETTI

DE DIETRO AR VELO

Me dichi: “È solo un velo”. “È ‘na priggione!
De dietro ce sta un monno… ariggirato,
ammaschera ignoranza e religgione,
nisconne tutt’er bello der creato.

Gramigna ch’aricopre un campo arato.
Scancella li diritti a le perzone…
perzone? Donne mute, senza fiato…
schiave dell’omo, l’Omo ch’è padrone;

padrone de la vita de la gente,
che appetto ar monno vero è un gran pupazzo.
Si levi er velo, lui… nun conta gnente.

Ché si lo levi dài colore ar cèlo,
ma tu nun pòi capì… Testa de cazzo…
no, tu nun pòi vedé de dietro ar velo.

ALESSANDRO VALENTINI

NOTTE DE NOZZE

Ducento vacche. È ’r prezzo ch’è costata.
La regazzina cià sett’anni appena.
Ogni parola more soffocata,
se smorza ner disprezzo o ne la pena.

L’infanzia profanata e violentata
ne la sequenza infame de ’na scena:
de lei che piagne, sola e spaventata,
in quela notte senza luna piena,

le mano strette ar velo de la sposa.
C’è un aquilone che nun vola più:
è cascato su un’agave spinosa,

è in fra li spini, immobbile, sta in posa,
pare ’na croce sotto un cèlo blu,
mentre la brezza odora de mimosa.

PAOLA VOLPI

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Commenti recenti