Immagini Di Roma - dal sito http://www.tesoridiroma.net

pincio01

2021

Qualche giorno fa abbiamo premiato i vincitori del "Concorso di ammissione all'Accademia Romanesca per il 2021".
Quest'anno, la qualità media delle poesie pervenute è stata alta: in parecchi casi, altissima.

Abbiamo notato con piacere che molti componimenti sono basati sul sentimento che più di ogni altro ispira i poeti: l'amore.
Come diceva Pasolini, un conto è la poesia dialettale (quella del campanile, dei bei tempi andati, del Cuppolone ecc.); un conto è la poesia in dialetto (quella degli argomenti alti e grandi). L'amore è un argomento che, se attualizzato in dialetto acquista tutte le qualità che solo la lingua dell'emotività e dell'immediatezza (la "prima lingua ascoltata", la "lingua madre" come diceva Dante) riescono ad interpretare al meglio. Dando sensazioni e immagini che solo il dialetto può dare.

Pubblichiamo le dieci premiate (anzi, 11 perché c'è un pari-merito).
I premiati entrano a far parte dell'Accademia Romanesca.

I
Silvia Cozzi
LA TENTAZZIONE

'Sto còre nun se piega a le catene,
me batte forte da levamme er fiato,
mica me devi dì “te vojo bene”
ma si me penzi un po’... nun è peccato.

Nun senti che te scoro ne le vene
come un vino novello prelibbato?
Bevene un sorso pe affogà le pene,
‘mbriacate de me, ribbarta er fato,

che er tempo, è vero, smorza ogni emozzione,
ciancica le speranze come panni,
ma nun c’è età che spegne la passione:

nun è mai tardi pe sfuggí all'affanni.
Aggustala co me ‘sta tentazzione,
che si bruciamo assieme nun fa danni.

II
Angela Sgamma

RICORDO DER PRIMO AMORE

…M’è capitato un libbro tra le mano,
ingiallito dar tempo ch’è passato,
che m’ha turbato, nell’aprillo piano
ar punto ndo’ sta ‘n fiore spiaccicato.
Er pensiero è volato via lontano
in cerca de quer giorno mai scordato,
quanno eravamo solo du' pischelli...
me posò 'n orchidea tra li capelli.

Poi me sfiorò co li su’ porpastrelli…
intanto che fremevo de vergogna,
er sudore me scese a pisciarelli…
“ero propio stracotta a la bisogna.”
Me rispecchiai dentro quell’occhi belli
come ‘na fìarelletta quanno sogna,
e ‘ntesi batte forte forte er còre
che annava più veloce de un motore…

Così me lo ricordo, er primo amore…
un mischio de dorcezza e d’allegria,
e giornate inzuppate de colore…
fino ar momento che nun prese er via.
Pensavo nun passasse mai, ‘r dolore,
che dovesse morì l’anima mia…
ma ‘r tempo aggiusta tutto, e de ‘sta storia
m’è rimasta sortanto la memoria.

III
Fabio Tinalli
SÀRVAME

Nell’anima, er silenzio oggi m’assorda.
Lo sento, l’occhi chiusi verzo er cèlo,
ma è forte, me stordisce, e a bruciapelo,
me mozzica e me magna, bestia ‘ngorda.

Me strigne tutto, e pe spezzà ‘sta corda,
che me sta a tirà giù sotto quer velo,
te cerco, come er fiore su lo stelo
sta sempre a cercà er sole, e nun se scorda.

Sarvame, amore mio, da ‘sto fracasso
che sento drento e propio nun vò smette,
mentre m’affonna er còre come ‘n sasso.

Abbracicame forte e famme male,
pija le mano mia fra le tue, strette…
perdemose fra l’afa e le cecale.

III
Corrado Torri
LI VECCHI NOSTRA

Er vecchio è come 'na coperta calla,
un libbro pieno zeppo d'esperienza,
'na spalla 'ndo pòi piagne all'occorenza,
'na colonna gajarda che trabballa.

Si ‘sto stivale in fonno è stato a galla
dovemo ringrazzià la Resistenza,
però mo st'artra zozza pestilenza
nun semo stati boni a ricaccialla.

N'avemo perzi già millantamila
e nell'occhi ciò sempre quela scena
co li camio de li sordati in fila.

La luna, pe rispetto, quela sera
è sortita ner cèlo appena appena,
'na cija bianca su 'na tela nera.

IV
Riccardo Villa
NER GIARDINO DE LE FATE

Te guardo. Co le guance immacolate
sei stella che riluce de matina,
cor còrpo e l’innocenza de bambina
smarìta ner giardino de le fate.

Vorteggi. Co le chiome abbandonate
su le spalle, come ‘na ballerina,
e l’occhi granni d’acqua cristallina
c’hanno vedute troppe bastonate.

Te sento. M’emozziono si me tocchi
de sera mentre m’ariggiro a letto
e le coperte, stanca, m’arimbocchi.

Te bacio. Nun sò antro che ‘n pivetto
ch’abbassa, lento, er viso, e chiude l’occhi,
pe fasse strigne forte forte ar petto.

V
Gianluigi Tomei
LA SINFONIA

Quanno er cervello è stracco,
ripieno de penzieri...
me porto er pranzo ar sacco...
l'ho fatto pure ieri.
Un coro de cicale...
er picchio tamburella...
poi grufola un cignale…
canta 'na tortorella...
Er vento tra li pioppi
sviolina tra le foje
mentre 'n somaro raja,
piagne ...cerca la moje...
Nun ce sta 'no spartito,
nimmanco la bacchetta..
tutti a tempo...precisi..
nun c'è manco 'na stecca.
Dirigge er Padreterno,
co grande maestria,
‘sta musica incantata...
‘sta bella Sinfonia.

VI
Sara D’Amico
L’ARBERO DE NATALE

L’arbero de Natale mio, a vedello,
me fa penzà a ‘na grossa famijona:
ce sta ‘na confusione… eppure è bello!
È la vitalità che m’emozziona.

Le palle antiche stanno sur livello
in arto, in arto, a falla da padrona,
in basso ce sta er gruppo più pischello,
de la generazzione più sprecona;

rami diverzi ma radici uguali.
Ogni anno le mettemo tutte quante,
pure quele un po’ rotte sò essenziali.

Ce vò pazzienza… e pure s’è stancante,
io nun vorebbe mai passà Natali
senza guardà ‘sta luce scintillante.

VII
Claudio Severini
L’OMO DOPPO ER FEMMINISMO

Adesso le pretese sò cambiate,
e ‘n omo pe la donna cià l’alloro
solo si è ‘n gran canaccio sur lavoro,
o si è esperto de moda “inverno estate”,

si cià le chiappe belle e palestrate,
si capisce le donne e è ‘n còre d’oro;
si è ‘n amante focoso e ‘n pommidoro
che se commove a scene sdorcinate.

Si sete un po’ puttane oppure sante,
si questo, da voi donne, è… ricercato,
ve levo ogni speranza a tutte quante!

Ve dico: da li fatti, è dimostrato
che ‘n omo de quer tipo è interessante,
ma cià, solitamente, un fidanzato.

VIII
Maurizio Pietropaoli
ER FIJO SPECIALE

Pure oggi t'ho aggiustato le coperte,
Come faccio da quann’eri bambino.
M'aspetti ogni matina a braccia aperte
si me sdraio sur letto, qua vicino.
Si ripenso a quant’anni ho faticato,
pe insegnatte a sbrojattela da solo,
ogni vorta a ricomincià da capo,
sapé che nun potevi pijà er volo.
Ma da te, de sicuro, poi, ho imparato
che sò le cose vere de la vita,
che me fanno pensà: “sò fortunato,
pe come fino adesso l'ho vissuta”.
Quanno che stai pe uscì, tu me saluti
come fosse tra noi l’urtima vorta:
quanno torni e riapri quela porta
m'abbracci, manco fossimo sperduti.
Come fai pe avé sempre quer soriso?
A fatte scappà sempre 'na canzone:
che fatica a capilla 'na parola,
ma poi te vengo appresso a squarciagola.
Quanno te stringo tutto stretto a me,
sembra quasi che semo un còrpo solo:
nun posso pensà a vive senza te.
E io nun posso crede, credi a me,
che veramente scenni giù dar cèlo.

IX
Antonio Delfini
PEZZI

Remo è tutto de ‘n pezzo, nun transigge,
nun cambia idea nemmanco si l’ammazzi,
e l’antra sera che la fija Edvigge
pe poco nun l’ha fatto annà a li pazzi

perché j’ha detto che è rimasta incinta:
l’ha buttata per tera co ‘na spinta,
l’ha riempita de schiaffi e, nun contento,
l’ha cacciata de casa sur momento.

Tutti noantri a dije: “Ma che fai?
È sangue tuo, nun pòi caccià tu’ fija!
Guarda che un giorno te ne pentirai!”.

Ma quello: “Nun ve fate meravija”
cià detto “che io indietro nun ce torno!
Chi sbaja paga, pure si è ‘na fija,
e a lei nun vojo aveccela più attorno!
Io su li fatti mia ciò l’idee chiare:
voantri fate un po’ come ve pare!”.

Cià chiuso fora e semo annati via.
La fija mo sta a casa de ‘na zia
che l’ha pijata a còre, sta benino
e aspetta che je nasce er regazzino.

Ar padre, forse, sta bene così,
ma c’è ‘na cosa che je vojo dì,
che nun m’è scesa dentro ar gargarozzo
e m’è rimasta propio qua, sur gozzo:

“Si ciai l’idee e nun guardi a le persone,
si nun ciai er dono de la compassione
pe ’n fìo che sbaja e nun è come te,
sarai tutto de ‘n pezzo… ma de che?”

X
Andrea Antonelli
BERNINI E BORROMINI

Appena ch'arivorno in cima ar monno
fu er fato che li volle mette contro
a 'sti du' artisti: fino a lo sprofonno,
che s'ontorno de tanta gloria e scontro.

Ma si er Papa ciaveva er preferito,
perché scopriva tutto a meravija,
quell'antro costruiva a menadito
le scale fatte a forma de conchija.

E Roma principiò a rifasse er trucco,
creanno 'na leggenna che piaceva
perché storceva er marmo come stucco
ner mentre che 'r confino je cresceva.

E sfornorno tant'opere perfette
che imbrilloccorno er monno conosciuto.
Ma stacce certo (che ce poi scommette):
chi è stato er mejo… nun s'è mai saputo!

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Commenti recenti