Immagini Di Roma - dal sito http://www.tesoridiroma.net

da_castello_13

Concorso di Primavera: Le poesie vincitrici

La premiazione del concorso avvenuta il 22 maggio ha evidenziato un ottimo livello delle poesie pervenute.
La classifica, che ha purtroppo dovuto escludere molti bei componimenti essendo limitata a 3 segnalazioni e 3 primi posti, vede riflesso il valore intrinseco delle poesie e la scelta vincente di poeti che utilizzano il dialetto per temi "alti e grandi".

Classifica:
==>Prima classificata: La pace ar giorno d'oggi di Paola Volpi
==>Seconda classificata: Er sordato regazzino di Luciano Gentiletti
==>Terza classificata: Quell'ora di Alessandro Palmieri

Segnalate a pari merito:
==>Li sfoghi der somaro di Anna Maria Amori;
==>Le lucciche di Lauretta Rosellini;
==>Primavera a san Silvestro di Paolo Buzzacconi.

I testi

LA PACE AR GIORNO D’OGGI
Attorno a noi c’è er sangue e la minaccia,
ma ce s’abbitua presto a ‘sto presente
e, a parte la paura scritta in faccia,
pare che ar monno nun succede gnente...

Ma la barbaria, a paro de l’erbaccia,
continua a cresce e strangola la mente,
riporta in vita l’odio sotto traccia,
stramuta un angioletto in un serpente.

Tant’è, la pace nun cià più er soriso.
Ce sta chi ammazza pe la religgione
pe guadambiasse un posto in paradiso,

e c’è chi fa la guera pe “missione”
pe facce crede che c’è un fiordaliso
dentro la bocca infame der cannone…
PAOLA VOLPI

ER SORDATO REGAZZINO
Un’antra stragge de ‘sto “califfato”
è stata fatta in Africa, de sera,
solo li regazzini j’ha sarvato
pe falli diventà gente de guera.

Je metteno li panni da sordato…
Je impareno a sparà co un’arma vera,
je fanno vede un omo torturato
pe faje diventà l’anima nera.

‘Sto monno nun cià più la dignità:
incatenato ar giogo der quatrino,
abbassa l’occhi invece de guardà.

Nisuno pò sarvacce dar destino
de ritrovasse senza più pietà,
si metti er mitra in mano a un regazzino!
LUCIANO GENTILETTI

QUELL'ORA
Er profumo de ‘n tempo ch’è sparito
ma che fa er vagabonno ner profonno,
ritorna quarche vorta prepotente
e li ricordi, come passeretti
vanno a cantà a l’imprescia dentro a ‘n pino.
Dar ramo più lontano spunta un bacio,
un Robbinzònne a spasso su ‘na spiaggia
che frena l’onna co ‘na mano bianca,
e spunta paro paro quer discore
che facevamo inzieme, appiccicati,
sur bene eterno che se chiama amore.
S’arza ‘na muffa de malinconia,
corta de vita, appena me convinco
che abbasta un gnente pe imboccà un portone,
fà ‘n par de scale eppoi spigne ‘na porta
così da rivedette, finarmente,
doppo ‘no stacco lungo quarant’anni.
Ma quarant’anni nun sò mica un giorno:
er tempo mentre passa fa la bestia,
aranfa co l’artijo quer che trova
e sciupa tutto, puro la bellezza…
Ecco preché nun vojo dà la spinta
ar legno de quell’ora canterina
e rubbà un attimo de vita tua:
potrebbe facce male a tutt’e dua…
ALESSANDRO PALMIERI

LE LUCCICHE
Ormai l’urtima luce è tramontata...
la notte scenne sopra a la vallata:
er bosco adesso è scuro e senza vento…
quante stelle, lassù, ner firmamento!

La luna sparpajata sur sentiero
illumina de chiaro er forestiero.
Ogni rumore attorno a me è sparito,
c’è solo un gran silenzio innummidito.

Le lucciche s'appicceno, lontano,
tra l’arberi, e le rose, e ‘r melograno.
Er bosco pare un cèlo rovesciato,
o un mare co la luna, imbrillantato.

E tutte ste fiammelle, a primavera,
sospireno d’amore in ogni sera:
perché se vonno fà ‘na scappatella
dentro ar profumo de ‘na campanella.
LAURETTA ROSELLINI

LI SFOGHI DER SOMARO
“Porto la soma… ché sò destinato,
pevvia che ciò la forza che m’è amica.
Pure si er peso è sempre esaggerato,
nun posso mai scanzamme la fatica.

Me sopporto un padrone disgrazziato
che me maltratta… e nun carcola mica
ch’er bastone me l’ha quasi lograto
sur groppone. Che Dio lo maledica!

Eppure ciò un carattere ubbidiente,
quanno me pija er ticchio fo er cantante,
e rajo: ma che giova, chi me sente...?

Quann’è che scarcio? Embè, lo dico chiaro:
si sento dà l’onore a un ignorante,
che viè chiamato come me: somaro!”
ANNA MARIA AMORI

PRIMAVERA... A SAN SILVESTRO
S’atteggia, er bianco e ‘r nero, su ‘sta piazza:
‘n imbrojo s’è arubbato li colori
de quello ch’eravamo dentro e fori,
co un “tutto carcolato” che te spiazza.

Giri, te guardi attorno, e dici:- Ammazza!
Nemmanco un po’ de prato co du’ fiori!
Manco un “nasone”! Belli sti lavori!
Sti proggettisti d’oggi, bella razza!-

Quann’ecco, superato lo sgomento,
senza volello abbassi la capoccia
e un filo d’erba… sbuca dar cemento.

Avoja a fà proggetti senza coccia,
avoja a mette er tappo ar sentimento:
la Primavera, pure st’anno, sboccia!
PAOLO BUZZACCONI

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Commenti recenti