Immagini Di Roma - dal sito http://www.tesoridiroma.net

fnnaiadi11

Premiazione 2009

PRIMA CLASSIFICATA

ER PREMIO

Quann’a giocà è la Maggica, ‘gni vorta,
ce pija ner cervello tanta sbiossa
che, pe poté guardà Totti che crossa,
o quanno fa er cucchiaro, o tira in porta,

s’ammucchiamo a lo stadio co ‘na sorta
de smania de fà l’onda giallorossa:
che cresce, cala, cresce e poi se infossa,
strillanno “Forza Roma!” a brija sciorta.

Lo sai perché nun te lassamo in asso?
Perché nun rubbi mai mezza vittoria!
Brava! Seguita, Roma, de ‘sto passo,

ché, si Dio vò, sur campo de Trigoria,
quanno sarà coperto dar barbasso,
ciannerai in premio a coje la cicoria!

CLAUDIO PORENA

PRIMA CLASSIFICATA:
ER PREMIO

Nella forma più classica della poesia satirica romanesca, l’autore esprime in modo passionale le emozioni che ogni vero tifoso giallorosso prova allo stadio.
Con sottile ironia esalta il sentimento di frustrazione di chi si vede costretto a godere dei soli successi meritati, in quanto l’onestà del comportamento preclude facili vittorie contrattate.
Quello che nel finale può sembrare un crudele rimbrotto, non è altro che una amara considerazione sulla lealtà sportiva, che, malgrado tutto, ci lega sempre di più ai nostri colori e che l’autore considera l’unico “premio” possibile per chi si comporti onestamente.

SECONDA CLASSIFICATA

FORZA ROMA

Dicenno “Forza Roma” dico tutto,
e basterebbe: “Daje Roma Daje”:
la sintesi legata a quele maje
che fa diventà bello quer ch’è brutto.

E’ ‘n amore che supera ‘gni cosa
impresso giorno e notte ner cervello,
‘n amore che nessuno pò tenello:
‘na malatia...però meravijosa.

Dì “Forza Roma” è come guardà er sole,
è rimirà le stelle quann’è sera,
campo fiorito quann’è primavera;
è l’aria, er cèlo... nun ce sò parole.

Dì “Forza Roma” è sogno, è surreale,
è orgasmo puro, è musica, è poesia,
è Roma e, in quanto Roma, è già maggia
che nun pò avé chi, qui, nacque lazziale.

E’ apoteosi, è gioja, è la pazzia,
è er sangue ne le vene, che ce bolle;
è amore smisurato, è amore folle...
è Roma, solo Roma... Roma mia.

ALESSANDRO VALENTINI

SECONDA CLASSIFICATA
FORZA ROMA

I motivi che spingono il tifoso a seguire la squadra del cuore ovunque e comunque, sono espressi in maniera estremamente passionale e convincente.
La poesia insiste sul valore intrinseco delle incitazioni del tifo e sulla “sensualità” suscitata dall’amore per la Roma, in chi trova nel nome stesso della città e della squadra, l’unica parola che possa esorcizzare ogni forma di male (che, manco a dirlo, fa rima con “laziale”...).

TERZA CLASSIFICATA
VOREBBE VEDE

Ce fai inzognà.
Ce fai sperà.
Ce fai soffrì.
Tu ciaruvini puro er luneddì
e puro er resto de la settimana.
Perché? “Er Pupone” ha fatto la buriana
e pe ‘na fesseria
s’è fatto caccià via.

Ma ce sta puro er giorno de la festa
indove er core è come ‘na tempesta,
che se vò fà sentì da tutto er monno
quer gusto che se sente ner profonno.

Ciò ancora tempo. Io ce credo ancora.
E prima che m’ariva l’urtim’ora,
siccome che n’ho visti solo tre,
vorebbe vede er quarto. E sai perché?

E’ bello vede tante feste e soni
co li romani tutti caciaroni.
La gente canta e ride: ma è commossa
e Roma è tutta quanta giallorossa.

ALBERTO CANFORA

TERZA CLASSIFICATA
VOREBBE VEDE

In questa poesia, dalla impalcatura metrica inusuale, l’autore esprime il sentimento di appartenenza alla squadra del cuore, prima commentando gli stati d’animo legati ai comportamenti in campo; poi immaginando nuovi successi tricolori che possano dar sfogo all’entusiasmo incondizionato della città intera.

PREMIO SPECIALE AIRC
“LA ROMA VISTA DA DENTRO”

C’ERO PUR’IO

L’avevo sempre visti da lontano
li “grandi” der pallone giallorosso,
ma quela sera lì in viale Tizziano
ero un pischello e me la feci addosso.

Arimediai un buffetto da Giuliano...
Disse mi padre, ch’era grande e grosso:
-Tu ne la Roma sei un gigante nano!-
Incominciai a trema ‘nzinenta all’osso.

E doppo, ‘na domenica d’aprile,
misi la maja pe la prima vorta
giocanno er primo derby giovanile.

Ricordo ancora tutta l’emozzione:
quanno schiaffai er pallone ne la porta,
a mi padre je prese un coccolone!

GUALTIERO BRUNO

PREMIO SPECIALE
ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB
C’ERO PUR’IO

Forse, è proprio il nome di questa squadra che suscita poesia!
Chiunque si esalti nel nome di Roma, è in grado di concepire pensieri poetici.
Quando poi a scrivere versi è qualcuno che nella Roma ci ha giocato, il risultato è sempre una vittoria.
Il poeta/giocatore ricorda i fatti, i personaggi e le emozioni provate entrando a far parte della squadra del cuore (sono pochissimi ad averlo fatto...), dipingendo un quadro colorato di passionalità e non privo di ironia.

POESIA SEGNALATA

A LO STADIO

Domenica, che fa Peppe “er Braciola”?
Lui ch’è tifoso fracico, incallito?
Va a vede la partita e, st’impunito,
lassa la moje a casa, sola sola.

Lei traffica co un pollo in cazzarola,
sbadija, cuce l’orlo d’un vestito,
quann’ecco ch’a li tocchi c’ha sentito
opre la porta e trova la parola:

-Ninetto mio, nun posso più campà!-
-E io nun dormo più, soffro d’amore!-
E fionneno abbracciati sur sofà...

Mentre a lo stadio, all’urtimo minuto,
strilla er Braciola: - No! Nun è rigore!
Morammazzato! Arbitro cornuto!-

GIORGIO BRUZZESE

POESIA SEGNALATA

ROMANISTI E LAZZIALI

Semo romani, e quinni romanisti.
Roma è ner Lazzio e noi puro lazziali.
Si vincono ste quadre capitali
s’arillegramo e nun semo più tristi.

Ma perché stamo a fà l’acciaccapisti
pe ‘sti squadroni, e famo li rivali?
Se deve da tifalli tali e quali,
perché semo sportivi e no teppisti.

Quello che conta, me lo dice er core,
è de batte ‘gnisempre li nordisti
facenno a Roma nostra tanto onore.

Juventini interisti e milanisti
dovemo da trattalli cor tortore
e falli escì da le partite pisti.

MAURIZIO ZILIOTTO

POESIA SEGNALATA

UN GIOCO CHE CE MANNA...
NER PALLONE

‘No stadio! 30.000 forsennati,
ciurme de ciccia carica, in attesa
de rifasse li sordi de la spesa
sfornanno inzurti e strilli da dannati.

Li giocatori in campo, appena entrati,
hanno preso a impegnasse nell’impresa:
ce sò stati li falli a gamba tesa,
ma l’arbitro ha sgamato e l’ha fischiati.

Quann’ecco er centravanti te riceve
un ber passaggio: sarta, dà de testa,
marca, zigghezzagheggia e se li beve;

e come ariva in area de rigore
fotte er portiere e segna. S’arza in festa
mezzo stadio...e metà ruga in furore.

FRANCO PAOLUCCI

POESIA SEGNALATA

ROMA/LAZZIO: CHE TEMPI!

DAJE ROMA

Nun c’è trippa pe gatti a chi se spènne:
è annata come è annata e dice nera.
La lupa...lupa? A chi la dà d’intenne?
Si mozzica, je casca la dentiera.
Pe la Roma e pe li lupi
sò sti tempi propio cupi
li “Giallo...rotti”
male che va, ponno attaccasse a Totti.

FORZA LAZZIO

E’ finita oramai. Deograzzia ammènne!
L’aquila nostra vola tera-tera;
spuntate l’ogne e senza più le penne
pare un pollo da mette a la spidiera.
Co Zarate oppuro senza
nun c’è tanta diferenza...
In ne lo sguazzo
noi “Bianco...mosci” ciattacamo ar cazzo!

BRUNO FIORENTINI

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.

Commenti recenti